L’ansia di svenire, l’ansia di svanire

Autore: Dr.Cannavò Michele
Data: 29 Aprile 2023

L’ansia di svenire, l’ansia di svanire

Il giorno in cui ho deciso di iniziare la terapia, di aver bisogno di aiuto, la mia vita era arrivata al capolinea. Tremavo costantemente e l’ansia pervadeva ogni parte di me. Mi sentivo costantemente in pericolo e ogni imprevisto o situazione inaspettata mi causavano dei potenti attacchi di panico. La mia vista era spesso offuscata, ero sempre sull’attenti…a volte gli attacchi erano così forti da mettermi al tappeto e per questo in qualsiasi luogo io mi trovassi avevo bisogno di sdraiarmi a terra, chiudere gli occhi e abbandonarmi agli eventi prima di potermi riprendere.

Ma per quante volte l’ansia mi abbia messo al tappeto ho sempre trovato il modo di rialzarmi. Non ho mai lasciato che mi abbattesse del tutto, neanche nei momenti peggiori. Avevo adottato un comportamento che limitava fortemente la mia qualità di vita ma almeno mi consentiva di andare avanti. Col tempo, grazie alla terapia, ho imparato a conoscermi e a guardarmi dentro. Mi sono accorto che c’erano parti di me che non avevo mai esplorato e che dovevo accettare. Il punto fondamentale della guarigione è stato accettare di abbandonare l’idea di perfezione. Smettere di consolidarsi in un’entità fissa. Noi non siamo un ruolo nella società. Non sono il figlio perfetto, non sono lo studente modello, non sono niente di tutto ciò. Io sono nessuno, una persona qualunque che vuole vivere la propria vita. Ciò non vuol dire abbandonarsi alla mediocrità bensì capire che noi siamo molto più complessi di qualcosa di predefinito e pensando di volerci adattare solo a un ruolo rischiamo di soffocare la nostra anima. E i segnali di questo soffocamento sono proprio i sintomi dell’ansia…delle urla disperate che provengono da dentro e che vogliono solo essere ascoltate. Col tempo ho imparato a capire il mio corpo, a fidarmi di esso e a fidarmi più di me stesso. Ho accettato che dentro di noi possono esistere molte contraddizioni eppure queste possono benissimo vivere in armonia tra loro. Oggi sono una persona libera e felice. L’ansia non mi fa più visita da tanto tempo ormai. Affronto sfide che prima non avrei mai affrontato e mi sento calmo e in pace con me stesso.

Ho realizzato tanti obiettivi che sognavo da così tanto.

Concludo dicendo che penso che secondo me la nostra anima è fluida e piena di sfaccettature, tutte diverse, contrastanti e allo stesso tempo armoniose tra loro. Insieme compongono il meraviglioso quadro che siamo, non cerchiamo di rovinarlo soffocando parti di noi che invece vogliono solo essere ascoltate.

Altri articoli

L’uso delle immagini e della fotografia: un caso clinico

L’uso delle immagini e della fotografia: un caso clinico
di Michele Cannavò,

Liberi di respirare

Mi piace pensare alla possibilità di riprendere a respirare, a quella sensazione data dal rientrare in contatto a pieni polmoni con l’ambiente/altro che ci circonda dopo diciassette mesi di stravolgimenti della fisiologia del respiro.

Il racconto della stanza della psicoterapia

Il racconto della stanza della psicoterapiaAutore: E.Data: 14 Marzo 2021Il racconto della stanza della psicoterapiaLa mente del paziente è un tempio sacro, per accedervi bisogna spogliarsi dei calzari, gli stessi che permettono al terapeuta di sondare e sentire i...

La depressione e il senso del vuoto esistenziale

La depressione e il senso del vuoto esistenzialeAutore: Dr.Cannavò Michele Data: 22 Febbraio 2021Parlare di depressione senza spaventare e confondere non è compito semplice per un clinico. Nella mia esperienza ho incontrato questo stato diverse volte e credo che ogni...

Contattami

Contattami mediante la modalità a te più comoda

Social

Seguimi sui social per ricevere novità

Scrivimi

Invia un messaggio tramite il modulo contatti

Privacy Policy

14 + 1 =

Pin It on Pinterest

Share This